Sulla rivolta di Pianura e su alcuni quesiti più o meno sensati

Da quando gli abitanti di Pianura sono scesi in strada per opporsi all’ulteriore utilizzo del loro territorio come sversatoio di rifiuti ci è toccato ascoltare e leggere un’impressionante serie di affermazioni ed analisi che mistificano ciò che sta accadendo, a volte vere e proprie assurdità. Quando ciò ci viene propinato dai mezzi d’informazione non ne siamo sorpresi, ma quando ci arriva da persone che sembrano sostenere chi si ribella contro gli avvelenatori di Stato la cosa si fa irritante. A volte ciò succede perché chi parla o scrive vive lontano da qui e non sa quello che succede, altre volte perché anche se vive da queste parti vede evidentemente solo ciò che vuol vedere. In estrema sintesi desideriamo quindi precisare pochissime questioni fondamentali:

1- Che ruolo ha la camorra in tutto questo?
La domanda è sbagliata alla radice. Prevede che ci siano la "Camorra" e lo "Stato" come due entità distinte. Fa davvero meraviglia che anche alcuni anarchici, nonostante la strumentazione teorico-pratica ereditata da secoli di lotta antistatalista, ritengano che si possa operare una distinzione tra due entità che separabili non sono. Come in una squadra di calcio c’è il portiere e il centravanti e in un’azienda l’addetto alle relazioni con i committenti esteri e quello addetto alla pulizia dei posaceneri così il dominio ha bisogno di strumenti legali e strumenti illegali. Che a volte le persone che incarnano questi ruoli si combattano tra loro, ma fa parte del gioco. Anche Fini e Bossi si odiano, ma stavano nello stesso governo.

2 – Chi sono i teppisti incappucciati?
Si è detto: "giovani leve che fanno tirocinio per entrare nelle file della camorra"; "emissari della camorra che vogliono monopolizzare la lotta"; addirittura, "in realtà altri poliziotti o confidenti della polizia". Cazzate, la risposta è molto più semplice: si tratta di ragazzi giovanissimi simili a quelli delle banlieue parigine che si sono scontrati con la polizia. I giornali li chiamano "teppisti", i ragazzi per bene napoletani li chiamano "cuozzi", senza ideologie, spesso aggressivi, a qualcuno sono simpatici solo se stanno a duemila chilometri di distanza a prendere a pietrate le guardie, ma se ce li hanno vicini cominciano a fare distinguo e a storcere il naso. E la polizia? Chi è interessato vada a vedere come andò tra l’agente di polizia Tommaso Leone e un ragazzo in motorino, Mario Castellano, e se ne farà un’idea approssimativa. E capirà perché uno degli slogan preferiti delle curve è: "poliziotto – primo nemico".

3 – Sì, ma è possibile che la Camorra non c’entri niente?
Ovviamente non è possibile che a Pianura non ci siano esponenti dei gruppi camorristici. A qualcuno è arrivata voce che siano anche andati a garantire l’incolumità di esponenti politici di destra recatisi sul luogo, ma sono informazioni che non ci interessa verificare (siamo né giornalisti né guardie). Per quello che ne sappiamo la camorra (insieme a tutti gli altri) sulle discariche si è sempre ingrassata e non ha mai interesse a che succeda casino, cosa che potrebbe interferire con i suoi interessi da svolgere nella pace sociale.

4 – Perché lo Stato si sta comportando in maniera così goffa e violenta?
Probabilmente per sradicare, attraverso la logica dell’emergenza, le lotte contro gli inceneritori (pardon, termovalorizzatori) – in primis quello di Acerra – che stanno facendo passare come l’unica soluzione possibile. E certamente per altri motivi che conosceremo, forse, tra chissà quanti anni.

5 – È vero che ci sono molti fascisti tra i contestatori?
Nel momento in cui democristiani, comunisti, verdi e associati vari sono al potere da tanti anni è chiaro che qualche fascista cerca di sfruttare a fini elettorali la situazione. È il loro mestiere e lo fanno, ma ciò non aggiunge e non toglie niente alla lotta della gente di Pianura contro lo Stato. Questo, come le eventuali dimissioni di Bassolino, possono essere forse un problema di chi vota questa gente da tanti anni, di chi ha sempre attaccato il nostro astensionimo, dicendo che "gli altri erano peggio". Per noi tra Berlusconi e Bertinotti la differenza è sempre stata assai poca e tutto ciò che sta venendo fuori ce lo conferma, ogni giorno di più.

6 – Ma se ognuno di noi consumesse di meno e meglio…
Al di là delle precisazioni sulla questione contingente e cronica dei rifiuti della Campania dobbiamo sottolineare che la prospettiva di una critica fondata sul comportamento "consumistico" individuale è parziale e in quanto tale ingannevole. Ognuno di noi è assediato da oggetti inutili e dannosi, da imballaggi, involucri e vuoti a perdere in quantità crescente, tutta roba che una volta usata diviene rifiuto ed è destinata in linea generale a divenire materiale nocivo. Senza dubbio l’opposizione individuale o di gruppo da parte dei "consumatori" è un passo obbligato e degno di interesse, ma a nostro avviso del tutto insufficiente. Pensare che una qualsiasi soluzione alla devastazione ambientale possa venire dalla "presa di coscienza" dei consumatori e dalla conseguente sommatoria di comportamenti della moltitudine che si trova nella parte terminale del ciclo produttivo è del tutto fuorviante. La critica va portata al vertice della produzione, alla progettazione politica, industriale, militare che decide cosa debba essere prodotto e cosa no. Nessuno di noi sceglie di acquistare un’automobile o un computer che dopo quattro anni diviene obsoleto, ma è ciò che ci viene imposto dal mercato. Nessuno di noi preferisce il pane impacchettato nella plastica invece che nella carta, ma è quanto la legge sta progressivamente imponendo. Senza attaccare l’idea propagandata dal dominio che per vivere meglio la produzione industriale debba crescere senza sosta ogni scelta personale diviene un palliativo buono per colpevolizzare i ceti popolari e assolvere i veri responsabili dello sfacelo.
Dunque, andare in bicicletta va bene, ma molto più importante sarebbe radere al suolo gli stabilimenti dove si fabbricano le Ferrari…

contro le discariche, contro gli inceneritori, contro il sistema stato-camorra

Ateneo Libertario, spazio anarchico – Napoli

This entry was posted in Controinformazione/Propaganda. Bookmark the permalink.