Firenze – Occupato il laboratorio contro la repressione

Sabato 08/12/07 ,al termine di un corteo di più di 200 persone contro la repressione,abbiamo occupato un’ ex-casa del popolo all’angolo tra via Maffia e via Sant’Agostino,dietro P.za S.Spirito.
L’occupazione di questa casa,che lo speculatore Fisher vorrebbe trasformare in una serie di mini appartamenti,nasce dalle numerose iniziative e persone solidali che si sono mosse a Firenze negli ultimi dieci giorni a seguito degli sgomberi di due occupazioni sociali (Villa Panico di S.Salvi e L’
Asilo Occupato di via Bolognese),pure perquisite con il pretesto farneticante d’ indagine per associazione sovversiva con finalità di “terrorismo”(il famigerato 270bis).
La manifestazione dell’ 8 dicembre ha portato nelle strade l’aria buona di una nuova solidarietà e complicità contro l’ ossessione securitaria della cosiddetta “Guerra al Terrorismo”e del controllo sociale generalizzato.
Nello stesso spirito di questa manifestazione assieme determinata e partecipata,vogliamo fare di questo posto un Laboratorio Contro la Repressione in tutte le sue forme:da quella politica(attacchi ai movimenti)a quella diffusa (fogli di via,continue retate,sgomberi all’idrante delle piazze,e espulsione di immigrati).
Pur venendo occupato da anarchici(ma non solo,come danno a credere i giornalisti servi),questo laboratorio intende essere uno spazio sociale aperto a tutti gli individui che non tollerano il clima repressivo che si avverte in questa città e in questo mondo.
Il “Laboratorio Contro la Repressione”tiene ben saldo il metodo dell’autogestione:l’orrizzontalità delle intese e delle decisioni(ci si mette d’accordo tutti insieme)e l’estraneità ai partiti di destra e sinistra.
Per discutere dello spazio,per condividere idee,spinte e dubbi,per progettare delle iniziative, lanciamo una CHIACCHERATA per Lunedì 10 dicembre alle ore 20:30.

SABOTIAMO LA GABBIA-SICUREZZA

GLI OCCUPANTI DI VIA SANT’AGOSTINO
Firenze, 9/12/07

This entry was posted in Iniziative/Autogestione/Azione Diretta. Bookmark the permalink.